Storia


Nascosto nel cuore della montagna del monte Mais, direttamente sul valico della strada statale nr. 238 che porta al Passo delle Palade, troviamo un’impressionante fortificazione, un sistema di gallerie scavate nella montagna all’inizio della seconda guerra mondiale. Si tratta di un’opera bellica voluta da Mussolini per prevenire l’eventuale invasione della macchina da guerra tedesca. Nel 1940 centinaia di operai italiani, quasi inosservati dalla popolazione locale, scavavano nella montagna gallerie senza fine, collegate da pozzi e scale allo scopo di costruire feritoie e malloppi per armi da fuoco. L’opera rimasta incompiuta, oltre ad essere documento storico è stata riqualificata ad uso artistico e geologico ed è oggi accessibile al pubblico. Oltre ad una suggestiva esposizione di immagini inerenti la costruzione della strada di Passo Palade, è possibile ammirare una ricca e affascinante esposizione di minerali, con oltre 2000 esemplari da tutto l'arco alpino.
News80 anni strada del Passo delle Palade - dal 5 settembre nella prima galleria del bunker si trova la nuova mostra fotografica dedicata alla costruzione della strada delle Palade.
Info
Periodo apertura 01/05- 03/11
Orari Maggio / Ottobre
Sab + Dom ore 10.00 - 17.00

Giugno / Settembre
Sab.+Dom.+Lun. ore 10.00 – 17.00

Luglio / Agosto
Da Lun. a Dom. ore 10.00 – 17.00
Venerdì giorno di Chiusura

Per la visita è necessario abbigliamento caldo e scarpe comode.
Giorni chiusura venerdì
Accesso con Card 1 accesso gratuito
Prezzo ordinario € 4,50
Contatti
Indirizzo Passo Palade
Comune Senale - San Felice
Telefono 0463886321
Dal 1 maggio di nuovo aperto per voi ogni fine settimana!

Possibilità di prenotazione visite guidate

Commenti
Emanuele - Genova dom 2 settembre 2018 12.48
suggestivo, è piaciuto molto anche ai bambini soprattutto la collezione di minerali
Andrea - Roma lun 30 luglio 2018 23.50
bellissima visita, una struttura veramente particolare è tenuta benissimo. splendida la collezione di minerali. personale molto preparato è disponibile.
Previous Next